Come ho fatto liominiboni.it

Breve descrizione de liominiboni.it, il sito che ho fatto per l’associazione Vinci nel Cuore. Cosa ho usato, quali strumenti ho pensato di utilizzare.

Ovviamente con WordPress. E fin qui non ci piove.
Il principio di un sito del genere, che sostanzialmente serve a un’associazione culturale radicata sul territorio per fissare la propria attività, è quello di essere lineare nella grafica, concentrando le maggiori forze nei contenuti (nella misura maggiore comunicati stampa). E data la linearità della grafica, ho cercato un tema grafico che non avesse troppi fronzoli, né dal punto di vista visivo, né da quello relativo alla manutenzione e alla costruzione di ciò che viene visto a video da chi lo consulta. E infatti ci ho messo solo una mezza giornata a settarlo per non toccarlo più: testata al suo posto (forse troppo poco spazio per il logo dell’associazione, che infatti non ho messo); menu visibile con l’aggiunta di voci al bisogno; slider in homepage con le immagini in evidenza dei post; numero di post in prima pagina (anche questo variabile, a seconda della lunghezza della sidebar); sidebar che praticamente rimane quella, con due sezioni fisse – ‘Comunicati stampa’ e ‘Rassegna stampa’ – e una terza da aggiungere a seconda dell’agenda dell’associazione.
Rimane il nodo dei colori, che con il tema fornito (Start magazine di Axle Themes) sono il rosso e il nero fin quando non si passa alla versione a pagamento (ma siamo in ambito di volontariato e quindi ci teniamo i colori che abbiamo).
Tra l’altro il tema permette una dignitosissima resa responsive, vera e propria cuccagna per me che non sono molto bravo nella programmazione (praticamente per niente bravo…) e quindi minima spesa e massima resa. Vedere per credere.

Il fiore all’occhiello è senza dubbio la timeline con cui ho pensato di trasformare una cronologia di eventi in una immediata e interattiva pagina da navigare, che spero sia anche intuitiva e bella da vedere.
Ho usato Timeline JS, uno strumento implementato da Knight Lab, il laboratorio di tecnologi e giornalisti della Northwestern University dell’Illinois, che fa parte di un gruppo di quattro fantastici strumenti utilizzati da chi i siti di giornalismo li fa bene e per davvero.
Insomma, nel mio piccolo ho messo insieme le loro istruzioni e con Fogli di Google ho creato un file per ogni anno di attività dell’associazione e poi integrato il tutto nelle pagine del sito, una per ogni anno di attività.

Ti potrebbe interessare anche...